• ACT
  • Agorafobia
  • Ansia sociale
  • Assertività
  • Attacchi di panico
  • Depressione
  • Disabilità
  • Disturbi Alimentari
  • Disturbi del sonno
  • Disturbi d’ansia
  • EMDR
  • Fobia specifica
  • Infanzia
  • Maternità e Gravidanza
  • Mindfulness
  • Rilassamento progressivo Jacobson
  • Sessualità
  • Stress lavoro correlato
  • Supervisione e formazione operatori sociali
  • TCC
  • Terapia di coppia
  • Tic
  • Training antifumo
  • Training autogeno
  • Training di induzione al parto in ipnosi
  • Valutazioni psicodiagnostiche
  • Come si manifesta sul lavoro e quali tecniche si possono mettere in atto per la gestione dello stress?
    Ogni essere umano esperisce ansia.
    L'ansia è un'emozione.

    Le emozioni hanno un'importanza fondamentale: rappresentano il termometro di come vanno le cose.
    Le emozioni vengono modificate dal pensiero: esse, infatti, dipendono in massima parte dagli obiettivi e dalle convinzioni dell'individuo.
    Nell'ansia, la possibile compromissione di queste emozioni a causa di un pericolo, provoca allarme e attivazione di tutte le risorse dell'organismo.

    Il termine STRESS deriva dalla fisica.
    Quando sottoponiamo un materiale ad una condizione particolare diciamo che "si stressa un materiale".
    Lo stress è la risultante dell'interazione fra individuo e ambiente.

    E sul lavoro?
    Lo stress lavorativo si chiama Burnout (patologia che colpisce prevalentemente operatori sociali ). Il burnout è una sindrome:

    GLI EFFETTI DEL BURNOUT

    1. A livello personale, emozionale e fisico:
      Stanchezza che deriva dalla tensione: l'individuo è sempre teso, non riesce a rilassarsi o a dormire bene. L'insonnia diventa un problema serio! Possono cominciare gli incubi. La stanchezza cronica può rendere più vulnerabili alle malattie: raffreddori, mal di testa, ulcera, problemi muscolari (collo, schiena).
    2. A livello lavorativo:
      • Calo del rendimento.
      • Motivazione minima.
      • Frustrazione massima.
      • Il lavoro come routine.
      • Meno attenzione all'utente.

    LE TECNICHE DI GESTIONE DEL BURNOUT OPERANO A VARI LIVELLI:

    La gestione individuale del burnout passa dalla scelta di fare le cose in modo diverso, variando la routine di lavoro e uscendo dalla trappola in cui ci si sente intrappolati.

    Ponetevi qualche domanda:
    Quali aspetti del lavoro possono essere cambiati? Gli orari, ad esempio, possono essere riorganizzati?
    Riuscite a tracciare i confini? Quanto tempo libero trascorrete a rimuginare su questioni di lavoro? Portate del lavoro a casa?
    Quando il burnout non può essere risolto attraverso l'uso di strategie individuali, allora è possibile affidarsi ad un professionista.