• ACT
  • Agorafobia
  • Ansia sociale
  • Assertività
  • Attacchi di panico
  • Depressione
  • Disabilità
  • Disturbi Alimentari
  • Disturbi del sonno
  • Disturbi d’ansia
  • EMDR
  • Fobia specifica
  • Infanzia
  • Maternità e Gravidanza
  • Mindfulness
  • Rilassamento progressivo Jacobson
  • Sessualità
  • Stress lavoro correlato
  • Supervisione e formazione operatori sociali
  • TCC
  • Terapia di coppia
  • Tic
  • Training antifumo
  • Training autogeno
  • Training di induzione al parto in ipnosi
  • Valutazioni psicodiagnostiche
  • La depressione è un disturbo dell'umore. Ne soffre circa il 15% della popolazione, con una prevalenza tra le donne.
    Un numero spaventosamente grande, non credete?

    Può esordire ad ogni età e, dopo un primo episodio, la possibilità che si ripresenti raddoppia.
    I sintomi sono molti e molto diversi tra loro.
    È caratterizzata da molti sintomi di natura cognitiva, comportamentale, emotiva e somatica.
    Tristezza, scarso interesse, apatia, insonnia, senso d'inadeguatezza e rilevante perdita d'interesse sessuale.

    I sentimenti prevalenti sono l'angoscia, la disperazione, il dolore e il senso di vuoto. Spesso questa disperazione è talmente grande che la persona può avere idee suicidarie come conseguenza del rimorso e desiderio di espiazione.
    La mente è quasi sempre orientata al passato, la persona crede di non essere riuscito a fare niente e di essere un perdente, il futuro è visto come incerto e terribile. Si stima che la depressione sarà la seconda causa di morte nel 2020...

    Il trattamento della depressione non può essere scisso dall'utilizzo di farmaci antidepressivi e stabilizzatori dell'umore.

    Accanto al trattamento farmacologico, quindi, è possibile affiancare un intervento psicoterapeutico che procede su più livelli: