• ACT
  • Agorafobia
  • Ansia sociale
  • Assertività
  • Attacchi di panico
  • Depressione
  • Disabilità
  • Disturbi Alimentari
  • Disturbi del sonno
  • Disturbi d’ansia
  • EMDR
  • Fobia specifica
  • Infanzia
  • Maternità e Gravidanza
  • Mindfulness
  • Rilassamento progressivo Jacobson
  • Sessualità
  • Stress lavoro correlato
  • Supervisione e formazione operatori sociali
  • TCC
  • Terapia di coppia
  • Tic
  • Training antifumo
  • Training autogeno
  • Training di induzione al parto in ipnosi
  • Valutazioni psicodiagnostiche
  • Come ti comporti quando:

    In queste, come in altre situazioni simili, abbiamo tutti bisogno di una qualche forma di “ tattica di sopravvivenza”, un modo di reagire che faccia capire agli altri che c’e’ qualcosa che non vama che al contempo salvaguardi la dignita’ di tutti.
    C’e’ chi affronta queste situazioni “mandando giu’ “, non dicendo niente e ritrovandosi con una gran rabbia dentro.
    C’e’ invece chi “aggredisce” l’altro, nel tentativo di punirlo o di riacquistare una posizione di forza.
    C’e’ chi riconosce i diritti propri e quelli altrui, pronto ad ascoltare il punto di vista espresso dal suo interlocutore e ad esprimere il proprio eventuale disaccordo, mantenedo il totale rispetto nei suoi confronti.


    Assertività. Stile relazionale e comunicativo e un'abilità sociale che consistono sia in un modo di agire in cui il rispetto dei propri desideri e bisogni rivesta un ruolo di primo piano, sia in un modo di pensare (cioè di considerare se stessi, gli altri, le situazioni sociali) che rispetti i diritti e l'eguaglianza delle persone.
    Un individuo è assertivo quando in un contesto di relazione con una o più persone riesce ad avere ben chiaro che cosa desidera (il suo obiettivo);
    Agisce per ottenerlo,
    Rispetta i diritti degli altri;
    Non si sente in colpa;
    Mantiene una buona opinione di se' anche nel caso gli sia difficile o impossibile raggiungere cio' che desidera.

    La persona ASSERTIVA

    Fa valere i propri diritti e rispetta i diritti altrui.
    Raggiunge i propri obiettivi senza offendere gli altri.
    Ha una buona immagine di se un'appropriata fiducia in se stessa. Si esprime in modo chiaro e autonomo.
    Decide per se stessa.

    La persona PASSIVA

    Permette che vengano violati i suoi diritti e che gli altri ne traggano vantaggio.
    Non raggiunge i propri obiettivi.
    Si sente frustrata, infelice, ansiosa.
    È inibita e depressa.
    Consente che gli altri scelgano per lei.

    La persona AGGRESSIVA

    Viola i diritti altrui per trarne vantaggio.
    Raggiunge i suoi obiettivi a spese degli altri.
    È belligerante e sulla difensiva; umilia e deprezza gli altri.
    È esplosiva, imprevedibilmente ostile e irata.
    Si intromette nelle scelte altrui.


    I diritti personali

    È fondamentale imparare e potenziare la capacità di cambiare il proprio punto di vista e calarsi nei panni dell’altro.
    Un aiuto in questo senso ci viene fornito dai diritti. Questi possono rappresentare un punto fermo all’interno del mare delle relazioni, che ci ricordano quelli che sono i doveri, gli obblighi e appunto i diritti verso noi stessi e gli altri.
    Imparando a riconoscerci dei diritti, individuando inizialmente quali utilizziamo spontaneamente, quali sacrifichiamo involontariamente e quali calpestiamo negli altri, riusciamo a vederne l’applicazione anche verso chi ci sta vicino.
    1. Tu solo hai il diritto di giudicare il tuo comportamento, i tuoi pensieri e le tue emozioni, e di assumerti la responsabilità di realizzarli, accettandone le conseguenze.
    2. Tu hai il diritto di non offrire ragioni e scusa per giustificare il tuo comportamento.
    3. Tu hai il diritto di giudicare se assumerti la responsabilità di trovare soluzioni ai problemi degli altri.
    4. Tu hai il diritto di cambiare la tua opinione.
    5. Tu hai il diritto di sbagliare e di assumertene le responsabilità.
    6. Tu hai il diritto di dire “non so”.
    7. Tu hai il diritto di essere indipendente dalla benevolenza degli altri quando devi tenere loro testa.
    8. Tu hai il diritto di essere illogico nel prendere decisioni.
    9. Tu hai il diritto di dire “non capisco”.
    10. Tu hai il diritto di dire “non mi importa”.
    11. Tu hai il diritto di dire “no” senza sentirti in colpa.
    Prova a farti queste domande:
    L'assertività si apprende!
    Imparando lo stile di comportamento assertivo potrete notare dei cambiamenti nel vostro stile di comunicazione. Smetterete di dare la colpa agli altri per tutti i problemi che vi affliggono!
    Ovviamente con impegno e costanza.

    Tutti i viaggi cominciano con un primo passo!